Monica Ferretti realizza il Crocifisso ligneo per la Parrocchia San Dalmazio di Lavagnola PDF Stampa E-mail
Martedì 22 Ottobre 2013 18:17

 

Monica Ferretti ha donato un Crocifisso alla Chiesa dedicata a San Dalmazio di Lavagnola, un antico luogo di fede e di speranza che conserva altre opere risalenti ai secoli passati.

Il monumentale Cristo è stato innalzato sopra l'altare in cerimonia pubblica e domina l'assemblea dei credenti. Presenta la rara particolarità di essere dipinto in fronte e nel retro, una pratica con lontane ascendenze fiamminghe, che lo rende particolarmente interessante perché le due immagini costituiscono la sintesi della vita terrena del Cristo: la morte come uomo e la resurrezione come Dio. Lo stile della Ferretti, che evoca modi altomedievali e addirittura attinge a toni bizantini nella cupa palette di colori e nella postura del corpo, s'intonano con l'ambiente in cui la sua opera è esposta. San Dalmazio è una delle chiese più antiche di Savona e i molti rimaneggiamenti subìti nei secoli non ne hanno snaturato la preziosa vetustà delle forme e del clima in cui si immergono i credenti.

Eretta prima dell'anno Mille, come, fra l'altro attesta il suo orientamento verso est, secondo una consuetudine del Cristianesimo delle origini, ha conosciuto molte vicissitudini. L'area e la popolazione residente, dopo un lungo periodo di prosperità, andò progressivamente decadendo, tanto che San Dalmazio in pieno Cinquecento era un edificio parzialmente in rovina. Si riprese quando i frati francescani, allontanati dalla città, poterono trovare albergo nel convento di Lavagnola mercé l'intervento di San Carlo Borromeo, dalla cui Diocesi dipendeva quella di Savona. I Francescani ne furono espropriati con l'arrivo dei Francesi, e dopo la fine dell'avventura napoleonica la chiesa divenne parrocchiale.

Oltre al magnifico ed imponente lavoro dell'artista savonese, non unica negli apporti che man mano furono effettuati nel luogo di culto da esponenti della cultura artistica locale, San Dalmazio conserva dietro l'altar maggiore una preziosa pala di Barnaba da Modena, probabilmente eseguita nel 1380  e raffigurante La Madonna con il Bambino tra Santi.

[Aldo Maria Pero, Ottobre 2013]

Ultimo aggiornamento Martedì 22 Ottobre 2013 18:35
 

Problemi di visualizzazione su Smartphone e Tablet

Per visualizzare correttamente il sito da Smartphone e Tablet è sufficiente installare l'app gratuita Puffin Web Browser Free. Clicca qui

Puoi trovarla anche su Play Store se utilizzi Android o su Apple Store se utilizzi iOS

Facebook
Siamo su Youtube
Concorsi Online
Siamo su Vimeo
Inserzioni Online