La Personale di Gianni Casu al Centro Civico Buranello di Genova Sanpierdarena PDF Stampa E-mail
Mercoledì 07 Gennaio 2015 21:59

La personale con la quale il pittore cagliaritano Gianni Casu sbarca sul “continente”, locuzione spesso usata dai sardi per definire il resto d’Italia, ha un titolo, forse pretenzioso, che va spiegato. Le Macchie di Rorschach costituiscono un famoso test intuito nel 1918 e pubblicato nel 1921 dallo psichiatra zurighese Hermann Rorschach. Se si considerano queste date ci si rende conto che coincidono con gli anni di fioritura dell’astrattismo, una visione dell’arte figurativa nata pochi anni prima ad opera di Vasilij Kandinskij. Forse l’accostamento può apparire azzardato, ma è indubbio che in entrambi i casi si tratta di metodi per superare il dato reale e penetrare nell’inconscio: dal punto di vista psichiatrico per determinare l’esistenza di fattori schizofrenici nel soggetto sottoposto al test, mentre nel secondo caso si assiste al tentativo compiuto dall’artista per superare la barriera del conscio e penetrare nella più intima struttura della propria personalità. Se ne può dedurre che sia dal punto di vista estetico che sotto l’aspetto psicologico psichiatria ed astrattismo hanno in comune alcune interessanti connotazioni.

L’attività di medico perseguita da Gianni Casu, può pertanto essere considerata entro certi limiti complementare alla sua attività pittorica, ricca di spunti diversi e quasi sempre tendente all’elaborazione di tele con un elevato grado di finitura, come se l’autore volesse in ogni caso circoscrivere con precisione l’oggetto del proprio interesse. Con questo non voglio indicare come elemento prioritario del suo lavoro un processo di autoanalisi, ma semplicemente affermare che nella sua opera nulla è lasciato al caso come invece spesso accade nell’astrattismo vuoto di sostanza e abbandonato alle suggestioni del momento per risolversi in pure linee e pennellate che trovano giustificazione solo nell’esaltazione e nella violenza dei colori, quei colori che Casu impiega al contrario con sagace attenzione e spesso con autunnale spirito di meditazione.

Aldo Maria Pero, gennaio 2015

Ultimo aggiornamento Mercoledì 07 Gennaio 2015 22:05
 

Problemi di visualizzazione su Smartphone e Tablet

Per visualizzare correttamente il sito da Smartphone e Tablet è sufficiente installare l'app gratuita Puffin Web Browser Free. Clicca qui

Puoi trovarla anche su Play Store se utilizzi Android o su Apple Store se utilizzi iOS

Facebook
Siamo su Youtube
Concorsi Online
Siamo su Vimeo
Inserzioni Online