Milvia Bortoluzzi una Vita d'Artista PDF Stampa E-mail
Mercoledì 11 Luglio 2012 09:13

 

Allestire una personale non può essere un fatto casuale, come spesso avviene, ma, almeno nei convincimenti di Licinia Visconti, che dirige la Galleria di Arte del XXI Secolo, significa offrire uno spazio ad artisti la cui opera attesti autentici valori spirituali a prescindere dallo stile in cui essi hanno trovato la loro estrinsecazione nelle tele che, una dopo l'altra, documentano un cammino d'arte e di vita.

Milvia Bortoluzzi rappresenta in termini esemplari una tale figura d'artista.

La sua lunga Vita d'Artista, in questa occasione documentata a partire dal 1971, è stata caratterizzata dall'assoluta mancanza di esibizionismo ma anche dalla serena certezza di compiere un'opera di valore, fondata su doti tecniche di altissimo livello e sulla ricerca di contenuti autentici e non di effimere occasioni. Lo attesta il numero esiguo di opere prodotte; poche perché ognuna deve esprimere un momento di vita e di pensiero, lungi da qualsiasi ragione di mercato. Infatti, in anni lontani, a successo rapidamente conseguito, quando il mercato dell'arte era dominato da galleristi e mercanti che "mettevano sotto contratto" i pittori migliori a condizione che essi fornissero ogni mese un certo, sempre elevato, numero di tele, Milvia Bortoluzzi rispose ad uno dei maggiori galleristi italiani che le aveva avanzato tale proposta: «Ma io dipingo un quadro ogni tre o quattro mesi e solo se corrisponde alle mie intenzioni». In tal modo  rinunciò senza rimpianti alla grande occasione e si rifugio in una dimensione discreta ed operosa nella quale ha prodotto per decenni lavori per una élite di collezionisti dotati, come lei, di un profondo amore per opere destinate più all'animo e che agli occhi.

Questa signora elegante e gentile, dai sentimenti profondi e non esibiti, ha con tecniche diverse e sofisticate dato vita ad una galleria d'immagini – olii, acquerelli, incisioni – caratterizzate da un'unica intenzione, quella di istituire un rapporto di profonda compenetrazione fra lei e la natura. Milvia Bortoluzzi ha compreso che porsi in meditazione di fronte alla natura significa fuggire dal caduco ed entrare nella dimensione dell'eternità. In questo senso ha accantonato l'estetica ed è penetrata nel dominio della filosofia. Certo, l'acqua che scorre non è mai la stessa, come affermava Eraclito, ma la fonte dell'acqua è per sempre la medesima; certo, gli alberi di una foresta ed i fiori dei campi nascono crescono e muoiono perché sulla terra tutto cambia con sempiterna vicenda ma, come diceva Platone, nell'iperuranio ci sono, eterni ed immutabili, i modelli perfetti, le entelechie, di tutto ciò che esiste in terra. Ed occorre infine ricordare l'aristotelico "motore immobile", l'increato creatore dell'universo che vivifica con incorrotta potenza il creato: un'affermazione laica, che Nicola Cusano, in pieno Quattrocento, tradusse in termini teologici postulando l'esistenza della presenza divina nel mondo ed identificando nell'uomo il protagonista della storia con una proiezione nell'eternità; l'uomo che, in quanto dotato di corpo e di anima, si propone come termine intermedio fra le pene dell'esistenza ed il premio divino godendo del privilegio, in virtù della quidditas angelica di cui è dotato, di intuire l'esistenza di Dio nelle cose che lo circondano.

La testimonianza artistica di Milvia Bortoluzzi, lungi dal proporre interrogativi stilistici ed estetici, consiste nel cogliere un attimo della storia della natura, non importa se con spirito laico o religioso, fermando per sempre l'incessante mutare del mondo e delle sue realtà in immagini di altissima poesia.

[Aldo Maria Pero, Luglio 2012]

Ultimo aggiornamento Mercoledì 11 Luglio 2012 09:28
 

Problemi di visualizzazione su Smartphone e Tablet

Per visualizzare correttamente il sito da Smartphone e Tablet è sufficiente installare l'app gratuita Puffin Web Browser Free. Clicca qui

Puoi trovarla anche su Play Store se utilizzi Android o su Apple Store se utilizzi iOS

Facebook
Siamo su Youtube
Concorsi Online
Siamo su Vimeo
Inserzioni Online