Movimento Arte del XXI Secolo - Benvenuti nel nostro Sito!
IV Memorial Sandro Pertini nel Palazzo della Provincia di Savona PDF Stampa E-mail
Lunedì 19 Settembre 2016 12:05

IV Memorial Sandro Pertini

Il Movimento Arte del XXI Secolo si accinge ad inaugurare la quarta Edizione del Memorial Pertini, un savonese la cui vicenda umana e politica ha contrassegnato alcuni decenni della vita italiana per la sua attività politica in un partito, quello socialista, sempre fervido di discussioni, per la militanza antifascista che gli costò lunghi anni di carcere e l’esilio in Francia, per l’impegno in un’intensa partecipazione alle attività del Fronte di Liberazione Nazionale sino a concludersi con la straordinaria interpretazione del ruolo di Presidente della Repubblica, un ruolo che intese svolgere, vestendo l’abito del servitore dei cittadini e non del capo della nazione, negli dal 1978 al 1985.

Sandro Pertini fu anche un grande collezionista di opere d’arte, collezionista che privilegiò sempre i rapporti con i Maestri che vollero fargli dono delle loro opere nello spirito del compagno di strada piuttosto che pretendere di essere un intenditore. La collezione, che il Presidente ha donato alla città di Savona, raccoglie opere dei più importanti artisti del Novecento e viene oggi conservata nella Fortezza del Priamar dopo l’inaugurazione avvenuta nel 1991.

In memoria dell’uomo, e in questo caso soprattutto del collezionista, siamo lieti di ringraziare gli artisti che hanno voluto partecipare a questa Edizione concedendo il privilegio di ammirare, riunite per uno scopo di alto valore celebrativo, le loro opere.

La manifestazione sarà inaugurata il 23 settembre 2016 alle ore 17.30 con la presentazione del Prof. Aldo Maria Pero, che illustrerà i lavori dei 24 artisti partecipanti

Ultimo aggiornamento Martedì 20 Settembre 2016 00:32
 
Mostra a Genova - Di color vari e diversi PDF Stampa E-mail
Martedì 06 Settembre 2016 18:45

 

This content requires Flash Player!
To view this content, JavaScript must be enabled, and you need the latest version of the Flash Player.
Download Adobe Flash Player now!

Affidato a Licinia Visconti, il Movimento Arte del XXI Secolo pubblica il catalogo dedicato ai dodici artisti che hanno preso parte alla mostra "Di color vari e diversi", inaugurata a Genova il 2 settembre 2016.

Ai quattro primi classificati del XIV Concorso si sono affiancati altri artisti di notevole valore, come le foto documentano ampiamente.

Si è trattato dell’incontro di personalità di grande sensibilità artistica anche se espressa in maniere diverse e, come dice il titolo, vari colori. L’emistichio di Giovan Battista Marino, il più grande poeta barocco italiano, è risultato particolarmente adatto perché in genere i quadri esposti, ad onta di una ricca tavolozza, si sono espressi con misurato gusto cromatico, dalle incisioni di Anna Maria Calamandrei per loro intima natura tendenzialmente sobrie, agli intensi e lucidi colori della ?secentesca? Silvia Rege Cambrin, sino ai più accesi toni di Franco Margari e Giovanni Gabassi, alle fantasie dei ?Labirinti? di Paola Bradamante e ai colori puri di Paolo Remondini. Se è vero che in medio stat virtus, decisamente ?virtuose? sono stati Stefania Angelelli con le pacate nuances del suo timido uccellino, la dolcezza di Maria Bidini, le prove di Claudio Caldana, le accarezzate creazioni di Miriam Silvia Di Fiore,  le curatissime tavole di Santo Lavorato e il misterioso ed affascinante volto dipinto da Roberta Zanghellini.

 
Inaugurazione della Mostra a Genova "Di color vari e diversi" PDF Stampa E-mail
Domenica 04 Settembre 2016 15:38

Nel pomeriggio di venerdì 2 settembre il Movimento Arte del XXI Secolo ha inaugurato a Genova, nella Galleria de ″Il Cerchio cromatico″, la Mostra, che costituiva il premio dedicato ai quattro primi classificati del XIV Gran Premio Città di Savona. Ricordiamo che il titolo della Mostra, ″Di color vari e diversi″, e che è stata ampiamente giustificata dalla ricchezza cromatica che essi hanno trasmesso ai loro lavori. Dopo una breve presentazione, gli artisti coinvolti nell’iniziativa hanno illustrato le ragioni del proprio operare sia dal punto di vista tecnico che contenutistico. La grande cordialità che si rapidamente instaurata ha reso l’incontro un piacevole evento mondano e allo stesso tempo una significativa testimonianza artistica.
I primi quattro classificati sono:

SILVIA REGE CAMBRIN con l'opera
"Inesorabile attesa" 
olio su tela 70x50 2016

FRANCO MARGARI con l'opera
"Abbraccio cosmico" 
tecnica mista su tela 100x70 2015

STEFANIA ANGELELLI con l'opera
"Beyond Chains" 
olio su tavola 25x35 2014

ROBERTA ZANGHELLINI con l'opera
"Pensiero" 
tecnica mista con pennarelli e acrilici su legno 60x53 2014

Ultimo aggiornamento Domenica 04 Settembre 2016 15:43
 
"DI COLOR VARI E DIVERSI..." Rassegna d'Arte Contemporanea a GENOVA PDF Stampa E-mail
Giovedì 25 Agosto 2016 18:49

Mostra Di colori vari e diversi

Il Movimento Arte del XXI Secolo presenta una mostra cui prendono parte i quattro vincitori del XIV  Gran Premio Città di Savona, un’iniziativa che nel tempo si è diventata un piacevole appuntamento.

Come il titolo lascia intendere, la necessità di riunire artisti cui non era stato richiesto di fornire opere legate ad un tema specifico ha generato una mostra il cui valore consiste nel mettere a confronto, su un buon livello tecnico, lavori di varia natura sia dal punto di vista meramente esecutivo che da quello contenutistico. Quasi tutti gli artisti contemporanei sono consapevoli che l’assunto fondamentale su cui si basa l’arte figurativa risiede nella capacità di muovere da un assunto visivo per trasfondergli i propri sentimenti e le proprie riflessioni. Un convincente dimostrazione della capacità taumaturgica dell’arte emerge con forza da questa rassegna di dodici pittori molti diversi fra loro per ascendenze biografiche e formazione culturale, ma tutti impegnati a conferire alla loro ricerca una dimensione più ricca di quanto immediatamente percettibile in natura. Una consapevolezza per secoli obliata, ma chiaramente espressa nelle carte del ″Codice Atlantico″ di Leonardo da Vinci, «precursore d’ogni cosa», come ebbe ad affermare Enrico Fermi.

Aldo Maria Pero

Ultimo aggiornamento Giovedì 25 Agosto 2016 19:02
 
I Vincitori del XIV Gran Premio Città di Savona PDF Stampa E-mail
Mercoledì 17 Agosto 2016 18:47

L’arte è l’anello di congiunzione tra fisica e metafisica

 

Abbiamo il piacere di comunicarvi l’esito del XIV Gran Premio Città di Savona, stilato dai membri della Giuria composta dai seguenti Professori:

Valeria Mendrigo Gomez, ex-docente dell’Università di Madrid

Guanella Soroyan Hazan, ex-docente dell’Università di Berkeley

Erika von Olbrenstein, ex-docente della Freie Universität di Berlino

Robert Holmette, ex-docente dell’Università di Losanna

Peter Jamestown, ex-docente dell’Università di Cambridge

 

1° - Silvia Rege Cambrin – Inesorabile attesa

2° - Franco Margari – Abbraccio cosmico

3° - Ex-aequo – Stefania Angelelli – Beyond Chains

3° - Ex-aequo – Roberta Zanghellini - Pensiero

 

Ai quattro primi classificati vanno i nostri complimenti per il brillante risultato conseguito

Tributiamo la nostra più viva considerazione a tutti i partecipanti, che con le loro opere hanno permesso al XIV Gran Premio di raggiungere un notevole livello qualitativo

Ricordiamo ai primi classificati che il premio loro riservato, ossia la partecipazione ad una collettiva dedicata ai partecipanti, avrà luogo dal 2 al 14 settembre presso ″Il Cerchio Cromatico″, già ″La Nuova Piccola Galleria″, Piazza Piccapietra 63A, 16121 Genova

Rammentiamo inoltre che ogni Gran Premio Città di Savona distribuisce premi ai vincitori, ma che esistono anche interessanti Premi-Fedeltà, ossia un Concorso gratuito ogni tre partecipazioni, una mostra in Italia ogni cinque e una mostra all’estero ogni sette

A tutti vanno la nostra stima e la più sincera considerazione con un arrivederci al prossimo Concorso.

 

Aldo Maria Pero

Presidente

 

Licinia Visconti

Art Director 

 

Silvia Rege CambrinInesorabile attesa

La Giuria ha apprezzato in pari misura nella tela di Silvia Rege Cambrin l’eccellenza tecnica e la suadente capacità di dipingere un’opera a tesi, che trasferisce il sentimento della fine implicito nella realtà di ogni mondana cosa in termini di floreale malinconia. L’elemento più interessante dal punto di vista contenutistico consiste nel fatto che non si tratta di pittura onirica o surreale ma di una forma poetica di simbolismo, più facile da trovare in poesia che in pittura

Franco MargariAbbraccio cosmico

La Giuria ha apprezzato in Franco Margari la forza e la sicurezza del tratto e la vigorosa dialettica con la quale ha firmato un’opera che pare allinearsi alle correnti neo-informali, tese a conservare nel quadro generale qualche traccia di forme che costituiscano una chiave di lettura. Qui l’ideale abbraccio cosmico avvolge sia i resti della civiltà tecnologica che la purezza dei lontani orizzonti celesti in una sorta di rammarico per l’incapacità di preservare il lascito della terra.

Stefania AngelelliBeyond Chains

La Giuria ha apprezzato in Stefania Angelelli un realismo di tenera partecipazione alle sorti dell’uccellino, la cui presenza si trasforma in una metafora, quella della libertà in tante parti del mondo negata dagli uomini agli uomini e salvaguardata da Dio al popolo dell’aria. La tela riesce così a fare di un episodio minimo un soggetto di meditazione impreziosito da una buona tecnica che rende l’immagine quasi fotografica un soggetto poetico

Roberta Zanghellini – Pensiero

La Giuria ha apprezzato in Roberta Zanghellini la sintesi fra due elementi spesso in contrasto: la sicurezza dell’impianto generale e la cura dei dettagli in un’opera nella quale risorse tecniche e di pensiero trovano una piacevole armonia. Il bellissimo ed incisivo volto che domina la tela rimanda a concezioni teosofiche e probabilmente si riferisce alla natura della divinità che siamo consueti immaginare e raffigurare come figura maschile anche se non mancano molte divinità femminili, normalmente riferite ad un ambito di premonizione e divinazione.  

Ultimo aggiornamento Mercoledì 17 Agosto 2016 18:56
 
Marco Rosellini OPERE PDF Stampa E-mail
Domenica 14 Agosto 2016 18:03

 

Licinia Visconti nell’affrontare il video dedicato a Marco Rosellini ha trovato un’opera molto prossima al suo spirito e ha cercato di interpretarla approfondendo le intenzioni artistiche del pittore.

Con ″Ravenna″ si chiude l’evocazione dannunziana de ″Le città del silenzio″, ma il canto silenzioso prosegue con la Venezia di Marco Rosellini. Tutto un universo si scopre alla vista, alta dominando la malinconia del tempo passato poiché «l’ora presente è in vano, non fa che percuotere e fugge;
sol nel passato è il bello, sol ne la morte è il vero». Il cielo sempre sfumato dalle nubi, i tramonti senza la rosseggiante gloria del sole occiduo, la luna esile e timida complice delle notti, i fantasimi che muovono sotto stelle che paiono preghiere, gli scuri edifici che ricordano le belle donne morte elogiate da Gabriele. Il tempo presente esiste solo come metafora del passato, quello cui Marco volge l’animo e col quale intrattiene un dialogo con il passeggero consapevole delle segrete armonie che emergano dai suoi inchiostri. Il nero domina quale compagno di una pittura che costituisce la leggenda di Venezia, della sua Laguna e della sua storia.

Allora, con pochi opportuni cambiamenti, per comprendere il rapporto che corre tra il pittore e la sua città, possiamo suggerire un brano tratto da ″Gli Asolani″ di Pietro Bembo: «[Marco], benedette sieno le tue mani sempre da me, con le quali tante cose m’hai dipinte nell’anima, tante scritte, tante segnate della mia dolce [Venezia], che io una lunga tela porto meco ad ogni hora d’infiniti suoi ritratti in vece d’un solo, et un altro libro leggo sempre e rileggo pieno delle tue parole [Asolani II, xxvii].

Aldo Maria Pero, Agosto 2016

Ultimo aggiornamento Domenica 14 Agosto 2016 18:06
 
Partecipanti al XIV Gran Premio Città di Savona L’arte è l’anello di congiunzione tra fisica e metafisica PDF Stampa E-mail
Mercoledì 10 Agosto 2016 14:26

È giunto a conclusione il XIV Gran Premio Città di Savona, che va così a godersi le vacanze estive per riprendere in settembre con la sua XV Edizione. Anche quella che si accinge ad andare in archivio ci ha regalato notevoli soddisfazione per averci fatto conoscere nuovi artisti che si sono affacciati alla nostra tribuna e per il valore dei partecipanti, che hanno affrontato un tema difficile con lodevole bravura. Diamo loro appuntamento per le prossime edizioni ricordando i premi fedeltà che abbiamo istituito con mostre in Italia e all’estero.

Nel frattempo ringraziamo i ventiquattro partecipanti e ricordiamo loro che fra pochi giorni la Giuria stilerà la classifica di merito. A tutti andrà un certificato con una motivazione tecnica. I primi tre classificati parteciperanno ad una collettiva che si terrà in uno Spazio espositivo nel centro di Genova, accanto al Teatro ″Carlo Felice″, rispettivamente con tre, due e un’opera.

Invitiamo tutti al vernissage, che si terrà il 1° settembre 2016 alle ore 17.30 presso il Cerchio Cromatico di Genova, già La Nuova Piccola Galleria, in Piazza Piccapietra 63/A.

La mostra si concluderà il 14 settembre.

Artisti partecipanti

Ada                                         La Mer

Eugenio Alazio                     Senzatetto

Stefania Angelelli                  Beyond Chains

Milvia Bortoluzzi                  Laguna d’Inverno

Maria Carletti                        L’elogio dell’Armonia

Pietro Daresta                       Duality

Graciela Elizaide                   Dinamismo 1

Cesare Garuti                        Oreste e Pilade

Agnese Giribaldo                  Il viaggio 6

Lydia Lorenzi                        Viaggio cosmico

Elda Lovetti                          Costellazione n.1

Romeo Manzoni                   Purgatorio 1

Lino Marchitto                      Il Lavoratore

Franco Margari                      Abbraccio cosmico

Giovanni Mocchi                   Cavalbero

Gianni Nattero                      La Grande Crepa Rossa

Silvia Rege Cambrin               Inesorabile attesa

Paolo Remondini                   Sagome astratte

Gian Reverberi                       For Sale 1 Mercimonio

Marco Rosellini                       Magia di un tramonto a Stanghella

Marialuisa Sabato                    Tra Fisico e metafisico

Patrizia Testoni                       Aspettando Arlecchino….

Roberta Zanghellini                 Pensiero

Maria Zimari                            Tsunami

Ultimo aggiornamento Mercoledì 10 Agosto 2016 14:49
 
Mostra a Venezia - Passaggi in Laguna PDF Stampa E-mail
Mercoledì 13 Luglio 2016 12:24

 
XIV Gran Premio Città di Savona PDF Stampa E-mail
Venerdì 29 Aprile 2016 16:13

XIV Gran Premio Città di Savona

CLICCA QUI PER ENTRARE

 

L’arte è l’anello di congiunzione tra fisica e metafisica

Con la XIV Edizione del nostro Concorso abbiamo voluto proporre agli artisti una considerazione che attraversa in modo più o meno esplicito la storia della filosofia, da Platone ai nostri giorni. Si può infatti affermare che nessun importante filosofo sia rimasto estraneo al dibattito sulla natura e sulle finalità dell’arte. Non hanno ignorato questo problema neppure le severe argomentazioni dei Padri e dei Dottori della Chiesa. Tutti, dai grandi pensatori dell’Ellade in poi, hanno cercato di trovare una collocazione nell’ambito dell’operosità umana ad un’attività che era per sua natura estranea alla logica dei loro sistemi dottrinali. Aristotele, con un’interpretazione che anticipava la psicanalisi, giunse ad affermare che essa consentiva agli spettatori di opere teatrali di operare una sorta di transfert; i grandi pensatori religiosi assegnarono alle arti figurative il compito di operare ″ad maiorem Dei gloriam″; André Breton teorizzò che l’arte attingesse le più remote lande dell’inconscio. I pittori figurativi sono oggi gli interpreti di un’arte-documento di concreta fisicità; gli astrattisti e i concettuali ritengono che il loro lavoro apra una prospettiva sul mondo della pura spiritualità. E tu?

 

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 23 Maggio 2016 12:43
 
Sogni Dipinti la mostra itinerante IVREA - GENOVA PDF Stampa E-mail
Domenica 05 Giugno 2016 11:10

Dopo l’esposizione nella Galleria ″Spazio Aperto 107″ di Ivrea, venerdì 3 giugno la Mostra itinerante ″Sogni dipinti″ ha inaugurato ne ″Il Cerchio Cromatico″ già La Nuova Piccola Galleria di Piazza Piccapietra a Genova il suo atto conclusivo con la partecipazione di nove pittori (Massimo Ascione, Gino Ceoloni, Rosanna Cordaz, Daria Covolo, Linda Franceschini, Laura Lepore, Lucia Morandini, Umberto Pèttene e Gianmario Quagliotto) e di una scultrice, la genovese Sylvia Loew Luzzati.

Ornella Gario, titolare della Galleria eporediese, e Aldo Maria Pero, presidente del Movimento Arte del XXI Secolo, hanno presentato al pubblico presente in sala gli artisti e le ragioni informative della Mostra. In particolare la prima ha illustrato l’importanza culturale della città di Ivrea, erede della  mecenatesca attività di Adriano Olivetti, l’imprenditore che fece della piccola città piemontese un centro d’importanza internazionale per aver preceduto sulla strada dell’elettronica i colossi americani del settore, mentre il secondo si è diffuso sui pregi delle opere esposte.

Un brindisi al prosecco ha concluso fra molte bollicine il bel pomeriggio d’arte rammentando, non senza malinconia, che la mostra sarà inevitabilmente archiviata il prossimo 15 giugno. Per gli artisti partecipanti ne resterà tuttavia il ricordo per merito delle foto scattare da Licinia Visconti.

Ultimo aggiornamento Domenica 05 Giugno 2016 14:24
 
Sogni Dipinti la mostra itinerante Ivrea - Genova PDF Stampa E-mail
Domenica 05 Giugno 2016 13:50

Sogni Dipinti Ivrea - Genova

Conclusa la prima parte della mostra nella Galleria Spazio Aperto 107 di Ivrea, gli artisti partecipanti trasferiscono i loro lavori presso il Cerchio Cromatico di Genova, in piazza Piccapietra 63/A.

Si tratta di nove pittori e di una scultrice, la genovese Sylvia Loew Luzzati, che decora la rassegna con il biancore del marmo di Carrara. Come in tutte le collettive realizzate con cura, le espressioni artistiche presenti, pur con le varietà di stile che derivano dalla diversa cultura degli artisti, trovano una loro gradevole armonia d’insieme.

 

Ultimo aggiornamento Domenica 05 Giugno 2016 15:16
Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 2