Movimento Arte del XXI Secolo - Benvenuti nel nostro Sito!
"Lungo la nuova grande via della seta"una mostra a Mosca e a San Pietroburgo PDF Stampa E-mail
Domenica 27 Novembre 2016 11:53

Mostra Lungo la via della seta

Il Movimento Arte del XXI Secolo e l’Associazione Culturale Qualitaly si accingono ad iniziare la lunga trasferta che sulle orme dell’antica via della seta porterà un gruppo di artisti italiani ad affrontare tre mostre (due a Mosca ed una nella regina del Baltico, quella San Pietroburgo che fu definita per la sua bellezza molto italiana il sogno degli zar) e due aste che si svolgeranno tra il dicembre 2016 e l’aprile 2017 in Russia.

Il prossimo 30 novembre un centinaio di opere partiranno da Torino per Mosca, prima tappa di un lungo viaggio: via terra di 2.970 chilometri. In tutto più di 8.000.

Una volta sdoganate, le opere confluiranno a Mosca nella sede della Rappresentanza del Bashkortostan presso la Presidenza della Federazione Russa.

Il 13 dicembre l’iniziativa verrà presentata in conferenza stampa presso la sede dell’Agenzia TASS di Mostra, Tverskoy Boulevard 2. L’appuntamento, trasmesso in mondovisione streaming, è fissato per le ore 11.00 locali, ossia le ore 9.00 in Italia. www.tass.ru

Il giorno dopo, 14 dicembre, si svolgerà una serata di gala con asta di beneficenza.

Dal successivo 15 dicembre prenderà avvio la prima Mostra prevista dal programma, mostra che si concluderà il 15 gennaio 2017. Più tardi le opere invendute proseguiranno per San Pietroburgo, destinate ad una seconda asta e ad un’esposizione al termine della quale rientreranno nella capitale per essere presentate in un’altra location della capitale.

Vi terremo progressivamente informati sugli sviluppi della situazione.

Una splendida avventura cui porgiamo tutte le nostre cure e i più fervidi auguri.

www.qualitaly.info

www.artedelxxisecolo

Ultimo aggiornamento Domenica 27 Novembre 2016 12:46
 
XV Gran Premio Città di Savona L'Ombra e la Luce PDF Stampa E-mail
Mercoledì 12 Ottobre 2016 16:09

Prende avvio la XV Edizione del Gran Premio Città di Savona, che reca un titolo, L’ombra e la luce, particolarmente attraente sia per artisti legati al figurativo che per quelli che si rivolgono invece all’astratto per individuare luci ed ombre di un mondo soggettivo che solo a loro appartiene ma il cui fascino può essere ad altri comunicato.

Questi due elementi sono i fattori determinanti delle arti figurative, che nascono dalla loro contrapposizione con i pieni e i vuoti della scultura e le scale cromatiche che servono a delineare le volumetrie pittoriche.

Ci auguriamo una vasta adesione al Concorso, ringraziamo i partecipanti e auguriamo loro le migliori fortune.

 

 

15 Gran Premio Savona Locandina

CLICCA QUI PER ENTRARE

 

Ultimo aggiornamento Mercoledì 12 Ottobre 2016 19:16
 
Ermanno Ricci - Giocando con Peter Pan PDF Stampa E-mail
Mercoledì 02 Novembre 2016 10:11

 

Licinia Visconti ha avuto non poche difficoltà a trovare un titolo adatto alla presentazione delle opere di Ermanno Ricci perché ha dovuto affrontare l’opera di un artista molto particolare e per certi versi straordinario, dalla tecnica ammirevole e dalla fantasia senza limiti che si avvolge attorno alle cose, alle idee, alla descrizione di universi alternativi e che non trova mai una pacata soluzione, sempre tesa, com’è, a superare quanto fatto per trovare soggetti adatti a recare momentanea quiete a sollecitazioni creative in costante divenire. L’opera di Ricci le è parsa un gioco con i suoi mille fiori, i mille personaggi, i mille animaletti che volano, si posano, ripartono in un gioco irrefrenabile di energie. Allora le è sembrato adatto il ricorso ad un personaggio del gioco, al simbolo dell’eterna giovinezza, il lieve, aereo, irridente Peter Pan che rappresenta l’infanzia del mondo così come l’opera di Ermanno Ricci rappresenta una straordinaria giovinezza creativa che non trova, nella sua originalità, riscontro alcuno nel panorama degli artisti contemporanei. Eppure va detto che una vena di pessimismo vena gli splendori fantastici dell’artista: il suo messaggio si può tradurre, come ha detto Licinia Visconti, in un invito: ″Giochiamo con Peter Pan″, l’unico modo per sottrarsi alla pesante cappa di dolore e di violenza che stringe in un tragico abbraccio il mondo attuale. Nella consapevolezza del dramma che nasce dallo scontro in atto fra i potentati finanziari, politici e religiosi, Ermanno Ricci regala un invito alla serenità dalle sue affascinanti ambientazioni, che rappresentano l’oblio del male e la speranza del bene.

Aldo Maria Pero, novembre 2016

Ultimo aggiornamento Mercoledì 02 Novembre 2016 10:20
 
IV Memorial Sandro Pertini PDF Stampa E-mail
Venerdì 21 Ottobre 2016 08:14

 

Il Movimento Arte del XXI Secolo celebra in questo video il IV Memorial Sandro Pertini presentando le opere di ventidue artisti che hanno accolto il nostro invito di partecipare alla Mostra rievocativa di un uomo politico che dalla Resistenza alla Presidenza di quella Repubblica che aveva contribuito a far nascere ha tracciato un segno indelebile nella storia recente d’Italia. La manifestazione, curata da Aldo Maria Pero e documentata da questo video dovuto a Licinia Visconti, si è svolta nella Sala Pierluigi Nervi del Palazzo della Provincia di Savona dal 23 settembre al 2 ottobre 2016.

 

Ultimo aggiornamento Venerdì 21 Ottobre 2016 08:35
 
Mostra a Savona - IV Memorial Sandro Pertini PDF Stampa E-mail
Mercoledì 05 Ottobre 2016 22:38

 

This content requires Flash Player!
To view this content, JavaScript must be enabled, and you need the latest version of the Flash Player.
Download Adobe Flash Player now!

Il Movimento Arte del XXI Secolo ha allestito a Savona nella Sala Nervi del Palazzo della Provincia un evento dedicato alla memoria di Sandro Pertini, il settimo Presidente della Repubblica, eletto al sedicesimo scrutinio con la più alta percentuale (l’82,3%) mai registrata.

L’intento del curatore è stato quello di offrire, in questa quarta Edizione, soprattutto indicazioni circa l’atteggiamento dell’illustre scomparso nei confronti dell’arte. Pertini non si considerava un esperto ma un semplice appassionato e l’arte era un tema di cui parlava spesso con gli artisti che facevano parte della sua corte di amici. Il suo era infatti più un modo di vivere l’arte che di discettare sull’argomento. E a volte si seccava con chi si abbandonava a sproloqui e ad una miriade di paroloni. Inevitabile allora l’esortazione, spesso in dialetto: «Fammi capire senza tante parole».

I ventidue artisti che partecipano a questa rassegna, se il vecchio Presidente fosse stato presente, si sarebbero sentiti rivolgere domande intelligenti e di drastica semplicità. Era peculiare di Pertini comprendere l’essenza delle cose e tale atteggiamento valeva anche per l’arte.

Per consentaneità alle scelte artistiche del dedicatario della Mostra, le opere accolte sono tanto di carattere figurativo che astratto. Le opere astratte erano in genere apprezzate meno dal Presidente, il quale però rimase spesso incantato dalla sapienza cromatica di molte tele informali.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 05 Ottobre 2016 23:27
 
IV Memorial Sandro Pertini nel Palazzo della Provincia di Savona PDF Stampa E-mail
Venerdì 30 Settembre 2016 10:11

Venerdì 23 settembre si è inaugurato nella sala Nervi del Palazzo della Provincia di Savona il IV Memorial Sandro Pertini alla presenza di molti degli Artisti iscritti alla manifestazione. Il gradevole pomeriggio ha avuto il suo momento di maggior interesse quando gli stessi autori delle opere esposte hanno illustrato al pubblico e ai colleghi le motivazioni del loro lavoro dando voce alle ragioni che giustificano le collettive, ossia il confronto fra personalità e stili artistici diversi. La riuscita del vernissage è stata così dovuta non solo all’alta qualità delle opere esposte ma alla possibilità di penetrare lo spirito e le intenzioni che hanno presieduto alla loro realizzazione.

A tutti vanno i complimenti e i ringraziamenti del Movimento Arte del XXI Secolo.

Ultimo aggiornamento Venerdì 30 Settembre 2016 10:18
 
IV Memorial Sandro Pertini nel Palazzo della Provincia di Savona PDF Stampa E-mail
Lunedì 19 Settembre 2016 12:05

IV Memorial Sandro Pertini

Il Movimento Arte del XXI Secolo si accinge ad inaugurare la quarta Edizione del Memorial Pertini, un savonese la cui vicenda umana e politica ha contrassegnato alcuni decenni della vita italiana per la sua attività politica in un partito, quello socialista, sempre fervido di discussioni, per la militanza antifascista che gli costò lunghi anni di carcere e l’esilio in Francia, per l’impegno in un’intensa partecipazione alle attività del Fronte di Liberazione Nazionale sino a concludersi con la straordinaria interpretazione del ruolo di Presidente della Repubblica, un ruolo che intese svolgere, vestendo l’abito del servitore dei cittadini e non del capo della nazione, negli dal 1978 al 1985.

Sandro Pertini fu anche un grande collezionista di opere d’arte, collezionista che privilegiò sempre i rapporti con i Maestri che vollero fargli dono delle loro opere nello spirito del compagno di strada piuttosto che pretendere di essere un intenditore. La collezione, che il Presidente ha donato alla città di Savona, raccoglie opere dei più importanti artisti del Novecento e viene oggi conservata nella Fortezza del Priamar dopo l’inaugurazione avvenuta nel 1991.

In memoria dell’uomo, e in questo caso soprattutto del collezionista, siamo lieti di ringraziare gli artisti che hanno voluto partecipare a questa Edizione concedendo il privilegio di ammirare, riunite per uno scopo di alto valore celebrativo, le loro opere.

La manifestazione sarà inaugurata il 23 settembre 2016 alle ore 17.30 con la presentazione del Prof. Aldo Maria Pero, che illustrerà i lavori dei 24 artisti partecipanti

Ultimo aggiornamento Martedì 20 Settembre 2016 00:32
 
Mostra a Genova - Di color vari e diversi PDF Stampa E-mail
Martedì 06 Settembre 2016 18:45

 

 
Inaugurazione della Mostra a Genova "Di color vari e diversi" PDF Stampa E-mail
Domenica 04 Settembre 2016 15:38

Nel pomeriggio di venerdì 2 settembre il Movimento Arte del XXI Secolo ha inaugurato a Genova, nella Galleria de ″Il Cerchio cromatico″, la Mostra, che costituiva il premio dedicato ai quattro primi classificati del XIV Gran Premio Città di Savona. Ricordiamo che il titolo della Mostra, ″Di color vari e diversi″, e che è stata ampiamente giustificata dalla ricchezza cromatica che essi hanno trasmesso ai loro lavori. Dopo una breve presentazione, gli artisti coinvolti nell’iniziativa hanno illustrato le ragioni del proprio operare sia dal punto di vista tecnico che contenutistico. La grande cordialità che si rapidamente instaurata ha reso l’incontro un piacevole evento mondano e allo stesso tempo una significativa testimonianza artistica.
I primi quattro classificati sono:

SILVIA REGE CAMBRIN con l'opera
"Inesorabile attesa" 
olio su tela 70x50 2016

FRANCO MARGARI con l'opera
"Abbraccio cosmico" 
tecnica mista su tela 100x70 2015

STEFANIA ANGELELLI con l'opera
"Beyond Chains" 
olio su tavola 25x35 2014

ROBERTA ZANGHELLINI con l'opera
"Pensiero" 
tecnica mista con pennarelli e acrilici su legno 60x53 2014

Ultimo aggiornamento Domenica 04 Settembre 2016 15:43
 
"DI COLOR VARI E DIVERSI..." Rassegna d'Arte Contemporanea a GENOVA PDF Stampa E-mail
Giovedì 25 Agosto 2016 18:49

Mostra Di colori vari e diversi

Il Movimento Arte del XXI Secolo presenta una mostra cui prendono parte i quattro vincitori del XIV  Gran Premio Città di Savona, un’iniziativa che nel tempo si è diventata un piacevole appuntamento.

Come il titolo lascia intendere, la necessità di riunire artisti cui non era stato richiesto di fornire opere legate ad un tema specifico ha generato una mostra il cui valore consiste nel mettere a confronto, su un buon livello tecnico, lavori di varia natura sia dal punto di vista meramente esecutivo che da quello contenutistico. Quasi tutti gli artisti contemporanei sono consapevoli che l’assunto fondamentale su cui si basa l’arte figurativa risiede nella capacità di muovere da un assunto visivo per trasfondergli i propri sentimenti e le proprie riflessioni. Un convincente dimostrazione della capacità taumaturgica dell’arte emerge con forza da questa rassegna di dodici pittori molti diversi fra loro per ascendenze biografiche e formazione culturale, ma tutti impegnati a conferire alla loro ricerca una dimensione più ricca di quanto immediatamente percettibile in natura. Una consapevolezza per secoli obliata, ma chiaramente espressa nelle carte del ″Codice Atlantico″ di Leonardo da Vinci, «precursore d’ogni cosa», come ebbe ad affermare Enrico Fermi.

Aldo Maria Pero

Ultimo aggiornamento Giovedì 25 Agosto 2016 19:02
 
I Vincitori del XIV Gran Premio Città di Savona PDF Stampa E-mail
Mercoledì 17 Agosto 2016 18:47

L’arte è l’anello di congiunzione tra fisica e metafisica

 

Abbiamo il piacere di comunicarvi l’esito del XIV Gran Premio Città di Savona, stilato dai membri della Giuria composta dai seguenti Professori:

Valeria Mendrigo Gomez, ex-docente dell’Università di Madrid

Guanella Soroyan Hazan, ex-docente dell’Università di Berkeley

Erika von Olbrenstein, ex-docente della Freie Universität di Berlino

Robert Holmette, ex-docente dell’Università di Losanna

Peter Jamestown, ex-docente dell’Università di Cambridge

 

1° - Silvia Rege Cambrin – Inesorabile attesa

2° - Franco Margari – Abbraccio cosmico

3° - Ex-aequo – Stefania Angelelli – Beyond Chains

3° - Ex-aequo – Roberta Zanghellini - Pensiero

 

Ai quattro primi classificati vanno i nostri complimenti per il brillante risultato conseguito

Tributiamo la nostra più viva considerazione a tutti i partecipanti, che con le loro opere hanno permesso al XIV Gran Premio di raggiungere un notevole livello qualitativo

Ricordiamo ai primi classificati che il premio loro riservato, ossia la partecipazione ad una collettiva dedicata ai partecipanti, avrà luogo dal 2 al 14 settembre presso ″Il Cerchio Cromatico″, già ″La Nuova Piccola Galleria″, Piazza Piccapietra 63A, 16121 Genova

Rammentiamo inoltre che ogni Gran Premio Città di Savona distribuisce premi ai vincitori, ma che esistono anche interessanti Premi-Fedeltà, ossia un Concorso gratuito ogni tre partecipazioni, una mostra in Italia ogni cinque e una mostra all’estero ogni sette

A tutti vanno la nostra stima e la più sincera considerazione con un arrivederci al prossimo Concorso.

 

Aldo Maria Pero

Presidente

 

Licinia Visconti

Art Director 

 

Silvia Rege CambrinInesorabile attesa

La Giuria ha apprezzato in pari misura nella tela di Silvia Rege Cambrin l’eccellenza tecnica e la suadente capacità di dipingere un’opera a tesi, che trasferisce il sentimento della fine implicito nella realtà di ogni mondana cosa in termini di floreale malinconia. L’elemento più interessante dal punto di vista contenutistico consiste nel fatto che non si tratta di pittura onirica o surreale ma di una forma poetica di simbolismo, più facile da trovare in poesia che in pittura

Franco MargariAbbraccio cosmico

La Giuria ha apprezzato in Franco Margari la forza e la sicurezza del tratto e la vigorosa dialettica con la quale ha firmato un’opera che pare allinearsi alle correnti neo-informali, tese a conservare nel quadro generale qualche traccia di forme che costituiscano una chiave di lettura. Qui l’ideale abbraccio cosmico avvolge sia i resti della civiltà tecnologica che la purezza dei lontani orizzonti celesti in una sorta di rammarico per l’incapacità di preservare il lascito della terra.

Stefania AngelelliBeyond Chains

La Giuria ha apprezzato in Stefania Angelelli un realismo di tenera partecipazione alle sorti dell’uccellino, la cui presenza si trasforma in una metafora, quella della libertà in tante parti del mondo negata dagli uomini agli uomini e salvaguardata da Dio al popolo dell’aria. La tela riesce così a fare di un episodio minimo un soggetto di meditazione impreziosito da una buona tecnica che rende l’immagine quasi fotografica un soggetto poetico

Roberta Zanghellini – Pensiero

La Giuria ha apprezzato in Roberta Zanghellini la sintesi fra due elementi spesso in contrasto: la sicurezza dell’impianto generale e la cura dei dettagli in un’opera nella quale risorse tecniche e di pensiero trovano una piacevole armonia. Il bellissimo ed incisivo volto che domina la tela rimanda a concezioni teosofiche e probabilmente si riferisce alla natura della divinità che siamo consueti immaginare e raffigurare come figura maschile anche se non mancano molte divinità femminili, normalmente riferite ad un ambito di premonizione e divinazione.  

Ultimo aggiornamento Mercoledì 17 Agosto 2016 18:56
 
<< Inizio < Prec. 1 2 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 2